Un legame vitale e sacro con il cosmo

L'identitÓ del clan viene simboleggiata anzitutto dalla solidarietÓ, dall'appartenenza effettiva al clan e all'etnia. ╚ la carta d'identitÓ di membro del clan e dell'etnia, come lo sono alcune iniziazioni: i diversi modi di incidere i denti, l'allungamento della testa (fatta ad arte) fra gli Azande, i diversi tatuaggi facciali, le incisioni sulle braccia e sulloo stomaco, gli ornamenti sulle orecchie, sul naso e sulle labbra. Indubbiamente, la solidarietÓ Ŕ fino ad un certo punto esercitata essenzialmente - ma non esclusivamente - fra i membri di uno stesso clan, siano essi vivi o defunti; viceversa l'accoglienza, l'ospitalitÓ e il rispetto, valori tipici al genere umano, consacrano la dignitÓ di ogni individuo nella societÓ e proclamano ugualmente i principi fondamentali di onore e di vanto. Il rispetto, per esempio, Ŕ un tale valore fondamentale che "senza di esso, anche l'amore Ŕ senza dignitÓ".

SolidarietÓ cosmica e clanica

Se la conformitÓ con le tradizioni ancestrali porta benedizioni, l'atteggiamento opposto Ŕ causa di una serie di punizioni e riprovazioni. Al fine di evitare queste punizioni e allontanare i pericoli, il colpevole deve semplicemente fare ammenda per l'offesa. Il primo atto di riparazione Ŕ la confessione, il riconoscimento spesso pubblico del misfatto, anche se commesso segretamente o anche solo nell'intenzione o nel desiderio, con o senza incantesimo. L'ultimo atto Ŕ il sacrificio, quale ammenda dovuta a Dio, ma attraverso la mediazione degli Antenati e degli spiriti, i quali sono gli agenti ufficiali dei suoi desideri.

Tab¨ e interdetti

La rettitudine morale Ŕ socialmente sostenuta da un sistema che Ŕ ad un tempo pedagogico ed ascetico, caratterizzato da tab¨ e interdetti rituali. Corone d'erba, ciuffi di foglie appese ad un albero da frutta, liane annodate poste attraverso il sentiero, sacchetti, corni e conchiglie contenenti vari ingredienti (spine, artigli e becchi di uccelli predatori, zampe di lucertole, crine di animali selvatici, pezzi di corteccia, denti di rettili), tutti questi oggetti dal contenuto simbolico - in una societÓ che non conosce la scrittura - oggetti impropriamente chiamati "feticci" hanno un valore pedagogico e ascetico che i membri percepiscono realmente, comprendono e vivono come tali.

Pedagogia e protezione

Secondo i luoghi dove sono posti, questi oggetti servono da segnali e avvisi pubblici: possono significare "sentiero privato", "non entrare", "area riservata", "pericolo", "tenersi lontano da questo terreno"; oppure "frutto e larve non possono essere raccolti senza il permesso del proprietario", e cosý via. Una cintura di pelle di serpente attaccata ai fianchi, una collana di pelle di lucertola, un braccialetto d'erba o di radici di piante sono tutte maniere per dire: "Io sono protetto e salvo contro cattivi incantesimi e influenze occulte". Piccole capanne (tempietti), con figure, posti al limite dei campi o dei villaggi, simbolizzano protezione contro le stregonerie. ╚ a causa dell'ignoranza che, nei primi tempi, pionieri, missionari ed etnografi, associarono oggetti di questa specie e le credenze ad essi unite, alla superstizione. Questi oggetti, invece, hanno la loro ragion d'essere in certe procedure ascetiche e pedagogiche, in una societÓ globale dove ogni cosa fa parte di un insieme e tutto Ŕ in tutto: il sacro nel profano, il mondo spirituale e invisibile nel mondo materiale e visibile.

Valore ascetico

La connotazione ascetica - e il proposito che ne deriva - di questi oggetti risiede nel fatto che essi simboleggiano un invito concreto a rispettare le persone e la loro proprietÓ e a dar valore alla disciplina, all'autocontrollo e all'ordine; tutto ci˛ espresso in un linguaggio pittoresco e realistico, proprio delle culture di tradizione orale. Il sostegno ascetico contenuto in questi diversi oggetti stimola l'individuo a controllarsi e a superarsi, a mortificare i suoi desideri cosý che i suoi impulsi non possano prevalere nelle sue relazioni sociali.

Codice morale

In breve, l'intero sistema di tab¨ e interdetti forma in qualche modo un codice morale, o anche un meccanismo socio-morale di giustizia, in una societÓ orale e globale dove la struttura pedagogica e ascetica ha valore di culto. Conseguentemente, essi servono da sostegno privilegiato ai movimenti profetici e sincretisti: infatti tali movimenti sono intesi a soccorrere le menti tribolate e l'appoggio che essi prestano ai loro membri Ŕ adatto alle comunitÓ sottoposte a una crisi stressante, e minacciate di crollare per mancanza di riferimenti e di modelli essenziali alla loro sopravvivenza.